lunedì 15 maggio 2017

Il Manicomio del quartiere di S.Vincenzo



Un altro post scritto a due mani:

Testo di Franco Russo
Impaginazione ed illustrazioni a cura di Pilusmax



Ricordo dell'ospedale per alienati nel quartiere di s. Vincenzo a Genova





Nel 1825 erano rimasti a Genova solamente 3 ospedali ;
Quello di s. Lazzaro a Fassolo, l'ospedale di n.s. di Loreto alla foce detto 'il Lazzaretto e l' ospedale degli Incurabili, in Portoria, unificato con quello di Pammatone.
Quest'ultimo però non accettava malati di mente.
Visto che all'epoca i posti letto erano in diminuzione e i degenti ricoverati in promiscuità di malattie, fra loro incompatibili, nel 1825 la Deputazione Opere Pie, propose la costruzione di un ricovero, per dare assistenza agli alienati, utilizzando gli accantonamenti dei bilanci attivi degli altri ospedali.


 





L'area per la costruzione venne reperita nel quartiere di s. Vincenzo, in località poco edificata, che a secondo delle epoche assunse i nomi di Braida, Abrara e Brera.



 
La zona dove sorgerà il Manicomio dietro al ponte Pila.





Nel 1834 iniziarono i lavori su progetto di Carlo Barabino, poi completati alla morte di costui dall'architetto Celestino Foppiano.
La costruzione era formata da un padiglione centrale di forma circolare, disposto su 5 piani, dove erano ospitati anche uffici amministrativi e servizi comuni.
Dal padiglione centrale si diramavano 6 raggi di fabbrica, dove erano collocate le celle dei ricoverati.
Negli spazi fra i padiglioni erano ricavati giardini.

All'interno era allestita una cappella dedicata al patrono S. Giovanni Battista.
Il complesso era chiuso da un recinto circolare.




Manicomio Pianta del 1892  da Immagini di vita tra terra e mare-r
Pianta topografica della città di Genova 1879 di S.Muggiani-Milano

 



L'ospedale era limitato a nord da via della Consolazione e a sud dalle mura di s. Chiara.
Vi si accedeva dalla strada "Crosa Larga" (attuale via Cesarea) via che nel periodo in cui l'istituto era in attività, assunse il titolo di "Strada del Manicomio"



Crosa larga-via del Manicomio-via Cesarea - Il Manicomio visto dalla parte di via Galata

 
Il Manicomio visto dalle mura delle Capuccine - da 5c Manicomio - da  I quartieri di Genova Antica ed. Tolozzi




A causa della della confusione e della risonanza del vociare e delle urla che la cupola del padiglione ampliava a dismisura, perse rilevanza, fino a quando ne venne disposto l'abbattimento in esecuzione del nuovo piano regolatore per l'atterramento di Strada Giulia.
Quindi venne decisa la costruzione di un nuovo ospedale per alienati a Quarto dove i pazienti vennero trasferiti nel 1894.
Il manicomio di s. Vincenzo venne abbattuto nel 1914





1 commento:

  1. grazie molto interessante, non sapevo dell'esistenza di questo manicomio

    RispondiElimina